Eduitalia » Member Area » Messico-Russia-Stati Uniti: la promozione di Eduitalia nel 1° semestre 2018 dei corsi studio in Italia
News

Messico-Russia-Stati Uniti: la promozione di Eduitalia nel 1° semestre 2018 dei corsi studio in Italia

Oltre alla Russia e agli Stati Uniti, sarĂ  il Messico l’ulteriore meta nella quale, nel 1° primo semestre 2018, Eduitalia promuoverĂ  i corsi degli Istituti Associati.

Confermate quindi -vista la positiva esperienza di questi ultimi anni- anche per il 1° semestre 2018 le diverse attivitĂ  promozionali in Russia e negli Stati Uniti(1), la scelta di promuovere in Messico è motivata dall’essere nazione di interesse e in crescita nel settore dello Study Abroad.

Per tale ragione Eduitalia sarĂ  presente con uno stand espositivo alla BMI Expo-Estudiante (7-8 aprile 2018 c/o CittĂ  del Messico). 

Il Messico, considerata la seconda economia dell’America Latina, ha una cospicua popolazione studentesca che vive un’ esperienza di studio internazionale.  

Secondo le statistiche (2) sono tra i 26.000 e i 30.000 gli studenti messicani che annualmente studiano all’estero e l’Italia è nelle prime dieci destinazione di studio in termini di preferenza (3).

La presenza alla Expo-Estutiande e le collaterali attivitĂ  in collaborazione con la Rete Italiana in Messico consentiranno di fornire agli studenti messicani dettagliate informazioni sui corsi di studio in Italia.

  1. In merito alle attivitĂ  promozionali che saranno intraprese in Russia e negli Stati Uniti, Eduitalia invierĂ  apposite dettagliate comunicazioni.
  2. Secondo il portale BMI: “Mexico sends approximately 26,866 tertiary-level students abroad according to UNESCO (2012 data); other sources put the number closer to 30,000. Secondo il portale Fppedu.media il numero degli studenti messicani all’estero è pari a 27.000.
  3. Dato riportato sul portale BMI. Secondo il portale Fppedu.media l’Italia sarebbe al 7° posto con un interesse pari all’11, 4%. Tale percentuale è calcolata in relazione all’interesse manifestato dai partecipanti alle fiere studentesche

«