News

Eduitalia in Russia

Si è da poco conclusa la positiva esperienza di Eduitalia in terra Russa.

Di seguito disponibile:

A) Report sulla manifestazione “Education and Career”

B) Report relativo agli incontri di Eduitalia con le Rappresentanze Diplomatiche Italiane in Russia.

A) Report sulla manifestazione “Education and Career”

Nell’incantevole struttura del Gostinj Dvor, sita in prossimità della Piazza Rossa di Mosca, ha avuto luogo la 32° edizione della “Education and Career” International Fair alla quale Eduitalia ha partecipato in uno spazio espositivo angolare sito all’interno della sezione di fiera “Study in Europe“.

Nella tre giorni di manifestazione, lo spazio espositivo occupato da Eduitalia è stato “preso d’assalto” da un numero molto elevato di giovani, educatori, professionisti del settore interessati al sistema Study Abroad Italiano ed in cerca di dettagliate informazioni circa le diverse opportunità di studio che l’Italia può offrire.

Dalla conclusa fiera emerge la convinzione che l’Italia vedrà crescere le presenze di studenti russi rispetto alle attuali poche centinaia che scelgono il nostro Paese. La presenza di tanti sistemi nazionali stranieri (tra i più importanti il British Council, Daad Germania, Campusfrance, StudyUSA ecc..) conferma il crescente interesse mondiale verso una della Nazioni che, riteniamo, diventerà tra le protagoniste in termini di mobilità per soggiorni studio all’estero dei suoi giovani.

Su invito dell’ufficio locale della Commissione Europea – Ufficio “Study in Europe “, Eduitalia ha avuto, come ulteriore possibilità, quella di presentare in una conferenza aperta al pubblico il nostro sistema nazionale. (1)

B) Report sul dialogo tra Eduitalia e le rappresentanze diplomatiche italiane in Russia

Giorno 10 novembre: presso l’Ambasciata Italiana di Mosca la delegazione Eduitalia è stata accolta rispettivamente dal Prof. Carlo Davoli, addetto all’Istruzione dell’Ambasciata e dal Dott. Raffaello Barbieri, addetto Culturale dell’Istituto Italiano di Cultura.

Da entrambi è stato espresso vivo apprezzamento per l’immagine sistemica offerta da Eduitalia nel suo essere strumento di informazione sulle diverse opportunità di studio che offrono gli Istituti Associati. Con i rappresentanti dell’Ambasciata sono state avviate delle sinergie operative al fine di incrementare la visibilità dei corsi degli Istituti Associati, il tutto inteso come forma di ulteriore contributo allo sviluppo della Cultura Italiana presso la popolazione Russa.

Nello specifico con l’addetto Culturale Dott. Roberto Barbieri abbiamo concordato che, nell’ambito delle diverse iniziative previste dall’Istituto Italiano di Cultura in occasione del 2011 “Anno della Lingua e Cultura Italiana in Russia”, Eduitalia parteciperà ad una iniziativa congiunta nella quale promuovere a Mosca il proprio sistema Study Abroad nazionale.

Il Professore Carlo Davoli è invece responsabile del programma P.R.I.A. (acronimo russo per indicare il programma di diffusione della lingua italiana presso le scuole russe) ed ha recentemente indetto un concorso internazionale per giovani poeti e pittori sulla figura di Dante Alighieri. Per come Vi informeremo più ampiamente nella Convention del 22 Novembre, il Dott. Davoli ci ha chiesto di poter prevedere dei soggiorni studio come premio di tale concorso ai giovani meritevoli.  Nel sito di riferimento del programma P.R.I.A. ci sarà consentito promuovere Eduitalia e riteniamo che per gli associati interessati ad offrire soggiorni studio possa essere una occasione per una propria visibilità. (2)

Giorno 12 Novembre: si è tenuto invece presso il Consolato Italiano di Mosca, l’incontro con il Console Generale Enrico Nunziata, il quale ha vivamente incoraggiato, come un bene per il Sistema Italia,  la nostra presenza alla manifestazione.  Con lo stesso abbiamo ampiamente discusso sulla tematica del visto e ne consegue che,  in termini di rilascio del visto per motivo di studio, non essendovi una  pressione migratoria nei confronti dell’Italia, anche per i soggiorni superiori ai 90 giorni, l’ottenimento del visto è subordinato ad una valutazione complessiva dei requisiti previsti per legge senza una preventiva necessaria valutazione rigorosa degli stessi.

Cordialmente.


» «